La bestiolina muore poco dopo. Hanno tentato di salvarla gli automobilisti di passaggio. Postato un video su Facebook con commento: “Non si può far finta di niente”

Il commento su Facebook
Il commento su Facebook

Uno delle scene consuete, purtroppo, sulla statale 284, l’Occidentale Etnea, arteria che da Paternò conduce a Randazzo e che rappresenta la principale via di collegamento con Catania per Adrano, Biancavilla,  Licodia. Un cagnolino investito e l’automobilista che l’ha arrotato fugge come se nulla fosse accaduto. Un comportamento incivile e che è anche oggetto di sanzione amministrativa.

I fatti stamattina intorno dopo le 8 nel tratto di statale che costeggia lo Stadio dell’Etna di Adrano. L’automobilista dopo aver investito il cane è andato via incurante. A fermarsi per prestare soccorso altri automobilisti di passaggio. Qualcuno ha pure coperto il cagnolino con un plaid. Purtroppo non c’è stato nulla da fare. I veterinari giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare le gravi condizioni in cui versava la povera bestiola, che è poi spirata poco dopo. Un video del povero animale in agonia (da cui è tratta l’immagine) è stato pubblicato su Facebook con un commento: “Non si può investire un essere vivente e far finta che non sia successo nulla“.
Vale la pena ricordare che nel caso si investa un animale, che sia domestico come il cane o il gatto, protetto o da reddito, vige l’obbligo di fermarsi, prestare soccorso e fare in modo che scattino gli allarmi necessari all’intervento di operatori specializzati nel settore. Sono previste multe per i trasgressori che vanno da 389 euro a 1.559 euro.

Hashtags #cane #incidente #randagismo