I fatti risalgono a ottobre quando i due mandarono all’ospedale un ragazzo che riportò gravi conseguenze cliniche e problemi a un occhio

Questa mattina, agenti del Commissariato di Adrano hanno indagato in stato di libertà il diciannovenne C.E. e il diciottenne V. F. di anni 18 (quest’ultimo minorenne all’epoca dei fatti), venivano deferiti all’A.G. poiché resisi responsabili di un’aggressione, con conseguenti lesioni personali, nei confronti di due giovani, uno dei quali minorenne, avvenuta la notte del 21 ottobre 2019, nel quartiere Patellaro – San Paolo di Adrano. In particolare nel corso della notte, personale della Squadra Volanti del Commissariato di Adrano, interveniva nel suddetto quartiere popolare per segnalata aggressione subita da due giovani.

Giunti sul posto, il personale operante constatava la presenza di personale medico del 118 in procinto di prestare cure mediche ad un giovane che presentava il volto completamente tumefatto, perdita di sangue causata da una ferita lacero contusa alla base posteriore sinistra del cranio, il quale farfugliava frasi sconnesse.
Il personale operante, recatosi presso l’ospedale di Biancavilla accertava che il malcapitato era ancora in forte stato di agitazione e solo la somministrazione di farmaci sedativi lo portavano alla calma.

Dimesso dall’ospedale e sentito a verbale, il ferito dichiarava di aver riportato diverse ecchimosi al viso, una ferita alla testa con 12 punti di sutura, una frattura alle costole ed un serio problema all’occhio sinistro ma non sapeva indicare le motivazioni dell’aggressione né chi potessero essere gli aggressori. Lo sviluppo dell’attività investigativa attraverso l’escussione di vari soggetti, l’acquisizione dei tabulati telefonici, l’esame incrociato di alcune telefonate intercorse tra la vittima e i suoi aggressori consentivano di acquisire chiari elementi di prova a carico di C. E. e V. F.

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #Adrano #aggressione #denuncia #Ultime notizie