Si ipotizza un coordinamento tra Guardia di Finanza, Polizia, Carabinieri, Polizia Municipale dei vari comuni, per garantire un pattugliamento h24

Si è riunito oggi, presso Palazzo Bianchi di Adrano, il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, convocato e presieduto dal Prefetto di Catania Maria Guia Federico, per discutere sui possibili interventi a tutela della popolazione e delle attività commerciali dei comuni del versante Etna-Simeto che, nelle ultime settimane, hanno assistito ad una vera e propria escalation di fatti criminosi, soprattutto ad Adrano che ha ospitato i lavori odierni. Presenti, insieme al Prefetto, i primi cittadini, di Adrano, Belpasso, Biancavilla, Misterbianco, Motta Sant’Anastasia, Nicolosi, Paternò, Ragalna e Santa Maria di Licodia.

La dottoressa Federico ha proposto la gestione della sicurezza a livello territoriale, in un meccanismo che consenta a tutti i comuni di unirsi per un obiettivo comune, alla luce anche delle sempre più carenti risorse finanziari. Idea ben accolta da tutti i presenti, che hanno ritenuto la gestione a livello territoriale della questione sicurezza come una delle poche strade percorribili per la soluzione del problema. Allo studio la costituzione di un coordinamento tra Guardia di Finanza, Polizia e Carabinieri coadiuvati dalla Polizia Municipale dei vari comuni, al fine di garantire un servizio di pattugliamento del territorio h24, coordinato dalla Compagnia dei Carabinieri di Paternò.
L’esperienza di sinergia tra i vari comuni è già largamente sperimentata in altre realtà locali come il Gal, il Parco dell’Etna ed il Patto di Fiume che spingono i vari aderenti a ragionare su una scala territoriale e non più su scala locale.

È stato infine fissato per il prossimo 30 marzo a Paternò un successivo incontro di carattere prettamente tecnico, per pianificare e formalizzare la costituzione del coordinamento di sicurezza. Il Capitano dei Carabinieri, Lorenzo Provenzano, incontrerà successivamente anche i comandanti delle varie Polizie Municipali, in una seduta comune.
Il vertice odierno è scaturito dal ripetersi, soprattutto ad Adrano, di fatti di criminalità e microcriminalità, contro una moltitudine di esercizi commerciali. Il 3 marzo scorso il Sindaco Pippo Ferrante, aveva partecipato in Prefettura a Catania ad una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Tra le iniziative in cantiere anche un investimento dell’amministrazione comunale adranita per l’installazione di un sistema di videosorveglianza che servirà da supporto alle indagini.

Hashtags #Adrano #criminalità #sicurezza