Presentato dal sindaco Pippo Ferrante il decreto di oltre un milione nell’ambito del Patto per il Sud

Un milione e 210 mila euro. È la somma  che il Comune di Adrano ha ricevuto dal Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti (assessorato regionale all’Energia) nell’ambito dei finanziamenti del Patto per il Sud per la bonifica della vecchia discarica di Contrada Ciappe (zona a ovest dell’abitato che degrada verso il Simeto). Il decreto, trasmesso al comune dalla Regione Siciliana, è stato presentato questa mattina dal sindaco Pippo Ferrante. La somma finanziata, come detto, è di 1.210.000 euro, e copre l’intero importo, per cui l’ente non avrà alcun costo da sostenere. La base d’asta è di 965.875 euro, il resto riguarda Iva, studi, collaudi ed altre spese. I lavori dovrebbero partire entro tre mesi – al momento non è ancora stato stabilito quando si chiuderanno – e prevedono, fra l’altro, l’apposizione della segnaletica di pericolo, il ripristino della recinzione perimetrale e di un cancello d’ingresso, il canale di gronda lungo il perimetro, il canale per la captazione del percolato, l’impermeabilizzazione e la captazione del biogas.

Dopo la chiusura, avvenuta vent’anni fa, i soliti incivili hanno utilizzato l’ex discarica per smaltire rifiuti d’ogni tipo con gli incendi estivi che hanno trasformato il sito in una vera e propria bomba ecologica. Adesso il finanziamento che sana una ferita ancora aperta.
Ma cosa era e cosa sarà, in futuro, questo luogo? Lo abbiamo chiesto al sindaco di Adrano, Pippo Ferrante: «È un’area comunale che fino al 1998 ha ospitato la vecchia discarica, chiusa con un decreto assessoriale. Nel 2008 abbiamo approntato un progetto per la bonifica, finanziato in questi giorni. L’obiettivo immediato è quello di avviare e concludere i lavori, poi rifletteremo sulla destinazione. Potrebbe anche diventare un bosco, una risorsa naturalistica, ma decideremo a tempo debito».

Hashtags #Adrano #bonifica #bosco #Ciappe #discarica #ex #finanziamento #in evidenza #patto per il sud #Pippo Ferrante #rifiuti