“Amo la competizione, mi piace mettermi in gioco cercando di superare i miei limiti” il commento di Montalto

È stato il parrucchiere adranita, Salvo Montalto, ad essersi classificato ancora una una volta fra i primi posti nel settore capigliatura, aggiudicandosi il 2° posto nel Campionato Nazionale Omc “Trinacria Barber”.
Tale competizione è stata organizzata dalla scuola “Unione artistica acconciatori misti italiani (Uaami)”, nella location Airport Hotel di Catania, il 23 Aprile 2018.
Tre le diverse categorie di taglio presenti al campionato: “Razor fade, Old School, Classico Italiana.”

“Nonostante fossero tutti molto interessanti, ho scelto la categoria Razor fade, poiché era il concorso con il maggior numero di partecipanti, e quindi avrei avuto la possibilità di confrontarmi con tanti specialisti del settore davvero in gamba” – afferma Salvo Montalto.
La gara “Razor fade,” tecnica che consiste nella realizzazione di sfumature con l’ausilio del rasoio, prevedeva un arco di tempo dai 35 ai 40 minuti, in cui tutti i 77 partecipanti avrebbero dovuto concludere il taglio.
Dopo un’attenta e severa osservazione da parte della giuria, tra cui annoveriamo il noto parrucchiere Emanuele Favuzza, già vincitore di campionati Europei, come quello a Mosca, si è giunti alla premiazione. Conclude Salvo Montalto: “ Riuscire a classificarsi fra i primi posti, è sempre una soddisfazione, ma a mio parere non è la cosa più importante.

“Amo la competizione, mi piace mettermi in gioco cercando di superare i miei limiti, quindi ritengo che queste gare contribuiscano in modo rilevante alla crescita sia professionale sia individuale.” Fra i partecipanti del campionato “Trinacria barber”, si sono classificati fra i primi posti nelle diverse categorie: Luca Cairone, Giuseppe Diolosà, Alessio Spinella e Salvo Lo Re; tra cui nella gara “razor fade”, Giovanni Giuffrida e Luca Savona al primo e al terzo posto. Inoltre, hanno partecipato: Nicola Carchiolo, allievo di Salvo Montalto, e Mirko Castiglione in qualità di modello.

Hashtags #in evidenza