Giovambattista Zappalà : “Da anni come responsabile di queste rettorie, ho chiesto agli enti preposti di poter salvaguardare questa chiesa”

Sono stati completati nelle scorse settimane, a Biancavilla, i lavori di recupero e consolidamento della chiesa “Immacolata alla Badia” che sorge a pochi passi da via Innessa. Durante la piccola cerimonia di domenica scorsa, alla presenza del Rettore Giovambattista Zappalà, un nutrito gruppo di fedeli e cittadini hanno potuto ammirare quel po’ che rimane della struttura ormai distrutta dall’incuria e dalle intemperie. Un impegno concreto quello di don Zappalà, forse come ultimo regalo alla comunità parrocchiale prima del suo trasferimento, che tra burocrazia ed uffici preposti al recupero del bene architettonico è riuscito a portare a compimento l’azione di consolidamento. “È stata realizzata la messa in sicurezza e il consolidamento di quel poco che è rimasto della chiesa dell’immacolata, una chiesa del ‘700. Da anni come responsabile di queste rettorie, ho chiesto agli enti preposti di poter salvaguardare questa chiesa”. La chiesa, nel corso degli anni, aveva subito dei crolli. Il primo, quello del 1968, quando a cedere fu il tetto e  l’ultimo in ordine cronologico quello del 2016 quando crollarono alcuni muri perimetrali.

Hashtags #badia #Biancavilla #giambattista zappalà #in evidenza