Grande quantità di materiale plastico, appendini e ricevute bancomat. I Vigili Urbani risalgono a una impresa del viale del Fiori

Ha un responsabile ben preciso, e individuato, il nuovo accumulo di rifiuti fra via del Trebbiatore e Strada Perrieri di Biancavilla, oggetto questa mattina di un articolo di Yvii24. Sarebbe stato un negozio cinese di abbigliamento, di viale dei Fiori a Biancavilla, ad abbandonare una grande quantità di rifiuti di materiale plastico (cellophane a protezione degli indumenti, appendini, rifiuti in genere), unitamente a scontrini, ricevute di transazioni di pagamento bancomat e carta di credito, oltre che materiale cartaceo vario.
Sul posto, dopo la nostra segnalazione, l’esperto del sindaco sulla tematica rifiuti Pasquale Lavenia il quale, tuttavia, dichiara di aver notato sin dal primo mattino la nuova discarica abusiva, nel corso della quotidiana perlustrazione per i luoghi sensibili.

 

Lavenia ha avvertito i Vigili Urbani, che si sono recati sul posto per raccogliere le prove necessarie a redigere i verbali. Informata anche l’impresa che si occupa della raccolta dei rifiuti a Biancavilla che provvederà alla rimozione del materiale nella giornata di domani. L’area interessata, dove si forma da tempo una discarica abusiva, era stata ripulita appena sabato mattina. Nel corso della stessa notte l’abbandono dei rifiuti (a Yvii24 è giunta una segnalazione fotografica scattata domenica alle 12:30). L’abbandono dei rifiuti potrebbe anche far scattare una denuncia alla Procura della Repubblica.
«Dal sopralluogo effettuato– dichiara a Yvii24 l’esperto del Sindaco Pasquale Lavenia – ho subito capito che non erano stati i nostri concittadini ad abbandonare quei rifiuti e che il responsabile doveva essere una ditta di abbigliamento. E i Vigili Urbani hanno accertato che si trattava di una impresa cinese. Già domani i rifiuti verranno rimossi così come avviene quando i cittadini ci segnalano le discariche abusive».

Hashtags #Biancavilla #discarica #discarica abusiva #immondizia #in evidenza #Pasquale Lavenia #rifiuti