Guasto al pozzo Badalato: rubinetti a secco nel quartiere “Casina” e in altre zone

Un guasto all’impianto elettrico, un cortocircuito per l’esattezza, ha provocato innumerevoli disagi idrici in un’ampia zona di Biancavilla, servita dal pozzo di Badalato. Un disagio che si è moltiplicato per cento, in considerazione del periodo natalizio e in particolare perché avvenuto nelle giornate clou, 24, 25 e 26 dicembre, (e precedenti) in cui le famiglie si sono riunite per festeggiare insieme il Natale.

La situazione, dopo essere stata drammatica nei giorni della festa, da ieri è andata lentamente normalizzandosi, sino al ripristino avvenuto oggi.
Il pozzo inoltra l’acqua in contrada Badalato, che si trova attorno all’omonima chiesa, a nord della provinciale per Licodia, il quartiere Casina, e vie importanti come la parte iniziale di via Vittorio Emanuele sino alla chiesa dell’Idria e via Matteotti.

Il black out ha avuto inizio sabato con il cortocircuito elettrico, a cui è seguito il cortocircuito idrico.
Cittadini senz’acqua inferociti e preoccupati per l’approssimarsi della vigilia di Natale e del Natale stesso, che hanno iniziato a chiedere all’amministrazione conto della situazione.
Il Comune ha affidato alla pagina ufficiale Facebook una comunicazione in cui ha informato del guasto chiedendo per i due giorni successivi la massima razionalizzazione del consumo d’acqua: ma come si fa a razionalizzare con la festa in corso?

All’Acoset il comune ha richiesto l’aumento del gettito d’acqua per far fronte all’emergenza, ma dai disagi segnalati dalla popolazione, la richiesta sembrerebbe essere stata proprio “un buco nell’acqua”.
Insomma, per una parte dei biancavillasi un Natale davvero da dimenticare.

Hashtags #acqua #Biancavilla #disagi idrici