Otto dei multati sono di Biancavilla (uno addirittura due volte), uno di Adrano e uno di Misterbianco

Undici tracce lasciate da cittadini fra i rifiuti abbandonati per strada a Biancavilla, che si trasformano in 11 prove per redigere altrettanti verbali. L’operazione contro gli “sporcaccioni”, ovvero a caccia di chi non effettua la differenziata e preferisce lasciare i rifiuti dove capita, in genere slarghi ai bordi delle strade, ma anche piazze e zone isolate, è partita questa mattina a Biancavilla (va, comunque, avanti da tempo) e ha visto entrare in azione una squadra formata dall’esperto del sindaco sulla gestione integrata dei rifiuti solidi urbani, Pasquale Lavenia, 4 vigili urbani e due operai dell’impresa incaricata della raccolta dei rifiuti.
Lo staff ha preso in esame la confluenza fra la Strada Perrieri e la via del Trebbiatore, dove si forma generalmente una microdiscarica abusiva; la piazzola di sosta su via Maria Santissima Addolorata, strada che collega l’ospedale con lo svincolo della statale; piazza Don Bosco; e l’area davanti all’isola ecologica.

 

Fra i rifiuti abbandonati dai cittadini sono stati scovati, come detto, 11 indizi (abbonamenti a giornali, bollette, corrispondenza ed altro) dai quali si è risaliti ai cittadini che hanno smaltito in maniera irregolare i sacchetti d’immondizia. Di questi 8 sono di Biancavilla (uno è stato multato due volte per aver lasciato i rifiuti in due distinti luoghi), uno di Adrano e uno di Misterbianco.
Al termine dell’ispezione le aree soggette al controllo sono state bonificate. Strada Perrieri è stata nuovamente ripulita a pochi giorni dall’ultima pulizia straordinaria.
L’esperto del sindaco, Pasquale Lavenia dichiara a Yvii24 che l’operazione proseguirà anche nei prossimi giorni: «Non ci fermeremo, ma proseguiremo con questa determinazione a frugare fra i rifiuti alla ricerca degli sporcaccioni, perché il nostro unico obiettivo è quello di rendere pulita la nostra città sanzionando chi sbaglia».

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #Biancavilla #in evidenza #Pasquale Lavenia #rifiuti