Il centrodestra contesta l’annuncio della bonifica della provinciale divenuta discarica e punta l’indice contro l’esperto del sindaco: «Faccia l’assessore ai rifiuti così che possa tornare a fare politica»

Comunicato dell’opposizione biancavillese, dopo l’annuncio di ieri di accordo raggiunto fra il Comune e la Città Metropolitana per la bonifica della provinciale 156 divenuta una discarica. In particolare si contesta il ruolo dell’esperto del sindaco sul ciclo dei rifiuti, Pasquale Lavenia, e il non aver ricordato che il Consiglio comunale aveva approvato una mozione che chiedeva di risolverela questione.
Di seguito la nota dell’opposizione.

 

I consiglieri comunali di opposizione prendono atto dell’annuncio diffuso alla stampa in merito all’ennesima promessa di bonifica e messa in sicurezza della s.p. 156, oggi rinominata ”strada della vergogna”, ci teniamo a precisare però che quello che viene sbandierato come un obbiettivo raggiunto da questa amministrazione per noi non rappresenta altro che l’incapacità dimostrata dalla stessa A.C. di attuare persino l’ordinaria amministrazione, come la pulizia del territorio e il rispetto dell’ambiente e della salute pubblica.
Una ulteriore precisazione ci è dovuta dopo essere venuti a conoscenza di una dichiarazione dell’esperto Pasquale Lavenia, il quale manifesta ai cittadini che l’intenzione di bonificare tale area sia stata sua.

Tale affermazione non risulta corrispondente alla realtà, poiché l’Amministrazione comunale e il sindaco avevano avuto mandato di attivarsi urgentemente alla bonifica con una mozione di indirizzo approvata dal consiglio comunale su proposta di noi consiglieri comunali di opposizione, pertanto l’intervento del Sig. Pasquale Lavenia in qualità di delegato o esperto è stato un intervento scontato, seppur in grosso ritardo e ci dispiace che lo stesso lo voglia far passare come un occasione per autoelogiarsi o appuntarsi medaglie al petto che tra l’altro non gli spettano.
Dimenticarsi delle denunce fatte (già da diversi anni) da parte dei cittadini, consiglieri comunali di opposizione e anche dai media è un modo scorretto di svolgere un ruolo che in teoria dovrebbe essere da tecnico ma in pratica si trasforma in politico e perlopiù fazioso. Più volte è accaduto che l’esperto o delegato del sindaco si sia dimenticato che non svolge più il ruolo di assessore, siamo convinti in buona fede, ma per evitare ulteriori spiacevoli inconvenienti ci sentiamo di suggerire al Sindaco Glorioso di nominarlo Assessore ai rifiuti così che il Lavenia possa tornare a fare politica, i cittadini risparmierebbero i soldi del suo incarico oneroso e possibilmente il paese potrà mantenersi più pulito.

Hashtags #Biancavilla #in evidenza #Pasquale Lavenia #rifiuti #sp 156