Offriva al farmacista una fornitura di mascherine protettive FFP2 K95 al prezzo di 319 euro che non sono mai state recapitate

I Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Verga hanno denunciato un palermitano di 27 anni, ritenuto responsabile di truffa. Nello scorso mese di luglio il titolare di una nota farmacia di corso Italia è stato contattato telefonicamente da un sedicente rappresentante di un’azienda siciliana il quale, ad un prezzo ritenuto conveniente, offriva al farmacista una fornitura di mascherine protettive FFP2 K95 al prezzo di 319 euro.

Visto il periodo e concomitante anche la necessità della farmacia di soddisfare i fabbisogni della clientela il titolare, come concordato telefonicamente, il 15 luglio ha emesso un bonifico bancario sull’IBAN comunicatogli dal sedicente rappresentante inviandogliene una copia tramite WhatsApp, ricevendo così assicurazione sulla spedizione della merce per il giorno successivo. Ben presto, però, le speranze del farmacista sono cominciate ad affievolirsi, malgrado i  numerosi tentativi tramite messaggi che sollecitavano la spedizione della merce pagata, e nonostante le rassicurazioni del suo interlocutore fino a quando, ovviamente, inteso d’essere stato truffato, si è rivolto ai carabinieri.

In effetti poi, gli accertamenti dei militari hanno consentito di accertare che l’utenza telefonica era intestata al padre del sedicente rappresentante, mentre l’IBAN sul quale era stata versata la somma era riconducibile al 27enne. Corre l’obbligo di lanciare un appello a tutti i cittadini e soprattutto, traendo spunto dal caso  in esame,  ai commercianti invitati ad acquistare questa tipologia di prodotto solo attraverso i canali di vendita ufficiali e con rinomata affidabilità, non fidandosi di proposte super convenienti, dietro il quale si celano persone senza scrupoli le quali, approfittando del particolare momento storico, lucrano sulle necessità altrui.

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #Catania #farmacista #truffa #Ultime notizie