Inflitte pene per un totale di 44 anni di reclusione

Eseguiti nella notte di ieri, da parte del Nucleo Investigativo e Raggruppamento Operativo Speciale di Catania, gli ordini di carcerazione emessi dalla Procura Generale della Repubblica per dieci pregiudicati. Per loro, i capi d’accusa sono associazione a delinquere di tipo mafioso, omicidio, estorsione, distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere, trasferimento fraudolento di valori, provvedimenti urgenti in tema di lotta alla criminalità organizzata-aggravante relativa all’agevolazione dell’associazione di tipo mafioso.

 

I soggetti, erano stati già sottoposti a fermo nel novembre 2010 durante l’operazione “IBLIS” e facevano parte dell’ organizzazione mafiosa “Cosa Nostra” . I destinatari del provvedimento hanno riportato le seguenti condanne:

– Alfio Maria AIELLO, classe 1959, già ai domiciliari, 8 anni  e 8 mesi di reclusione;

– Giovanni BARBAGALLO, classe 1949, già ai domiciliari, 6 mesi di reclusione;

– Bernardo CAMMARATA, classe 1972, già ai domiciliari, 8 anni e 8 mesi di reclusione;

–  Francesco ILARDI, classe 1967, già ai domiciliari, 11 mesi di reclusione;

– Graziano Massimiliano LO VOTRICO, classe 1974, 3 anni e 9 mesi di reclusione;

–  Antonino SORBERA, classe 1964, 5 anni e 2 mesi di reclusione;

–  Antonino SANGIORGI, classe 1963, 4 anni e 2 mesi di reclusione;

–  Liborio OIENI, classe 1950, 3 anni e 11 mesi di reclusione;

–  Girolamo Gabriele MARSIGLIONE, classe 1986, 3 anni e 9 mesi di reclusione;

– Mariano Cono INCARBONE, classe 1960, 4 anni e 11 mesi di reclusione.

Tutti gli arrestati sono stati condotti nel carcere catanese di Bicocca ad eccezione di Mariano Cono Incarbone condotto nel carcere di Augusta.

 

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #cosa nostra #esecuzione di pena #in evidenza #operazione iblis