INGV O-E: «Registrata alle ore 12:06 (10:06 UTC), una repentina variazione dei parametri»

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che Dall’analisi delle immagini delle telecamere della rete di sorveglianza e da osservazioni dirette effettuate da personale INGV sul campo, alle 10:06 UTC si è osservata un’esplosione impulsiva con emissione di cenere dal Cratere di Nord-Est. La cenere emessa si è rapidamente dispersa in area sommitale. Le stazioni sommitali hanno registrato un segnale sismico a bassa frequenza. L’esplosione ha anche generato un transiente nel segnale infrasonico.

Aggiornamento delle 13:49: L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che  dall’evento riportato nel precedente comunicato di aggiornamento (n. 2 del 2019/07/02 13:02 LT – 11:02 UTC), il personale INGV in campo non ha osservato ulteriori esplosioni dal Cratere di Nord Est, il quale è caratterizzato soltanto da intenso degassamento. Inoltre, durante il sopralluogo sono stati uditi boati con frequenza variabile tra 5 e 10 minuti, associabili ad attività esplosiva intra-craterica profonda al cratere Bocca Nuova. Tale attività non produce alcuna emissione di cenere.  Nel tempo intercorso tra questo comunicato di aggiornamento ed il precedente, l’ampiezza del tremore è rimasta stazionaria ad un livello basso. L’attività infrasonica è localizzata alla Bocca Nuova.

Hashtags #cratere #eruzione #esplosione #Etna #nord est #Ultime notizie