Marco Neri: «Minore la distanza dell’abitazione dalla faglia, maggiore la concentrazione di radon»

È stata pubblicata negli scorsi giorni sulla rivista scientifica “Frontiers in public healt”  una ricerca condotta da tre studiosi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania incentrata sull’emissione dalle faglie dell’Etna di gas radon, definito altamente cancerogeno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Lo studio è stato effettuato all’interno di 7 abitazioni che sorgono a diversa distanza da alcune faglie presenti sul territorio del vulcano per un periodo di circa 3 anni. Questi sensori hanno rivelato delle concentrazioni medie annue spesso superiori a 100 Bq/m3 (Bequerel per metro cubo) – valore di primo livello di attenzione – e in alcuni casi un valore medio di 300 Bq/m3, con punte superiori a 1.000 Bq/m3. A portare avanti lo studio Marco Neri, Salvatore Giammanco e Anna Leonardi.

Hashtags #anna leonardi #Etna #faglie #ingv #ingv catania #marco neri #radon #salvatore giammanco #terremoti #Ultime notizie