Tre scosse nella notte a Maletto, Bronte e Ragalna

Prosegue senza soste l’attività dell’Etna. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che le reti di monitoraggio hanno registrato alle ore 07:52 di oggi una nuova emissione di cenere. A partire dalle 06:10 si è osservato un incremento nell’emissione dal Cratere di Nord-Est. La cenere è spinta dal vento in direzione Ovest, verso i territorio di Adrano, Biancavilla, Bronte. L’ampiezza media del tremore vulcanico continua a mantenersi intorno a valori medio-bassi. Traffico aereo normale all’Aeroporto internazionale “Vincenzo Bellini” di Catania.

Nella notte, gli strumenti sismografici dell’Ingv hanno registrato tre scosse di terremoto, la più forte delle quali alle 5:59, magnitudo 2.3, ha avuto come epicentro il territorio di Ragalna (11 chilometri dal centro abitato) ed ipocentro 9 chilometri sotto la crosta terrestre. Alle 6:23 un terremoto ha interessato il territorio di Bronte (magnitudo 1.3, 10 km a Sud-Est del centro, profondità 8 chilometri); all’1:27 terremoto a Maletto (magnitudo 1.7, 3 chilometri a Nord-Ovest dell’abitato, profondità 32 chilometri).
Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata, invece, registrata alle 4:52 tra Nebrodi e Madonie con epicentro tra Castel di Lucio (Messina), Sperlinga (Enna) e Gangi (Palermo) ed ipocentro 70 km di profondità.

Hashtags #Catania #emissione cenere #eruzione #Etna #ingv #istituto nazionale geofisica vulcanologia #osservatorio etneo #terremoto #Ultime notizie