Monsignore Antonio Staglianò: «Non sono un cantante ma resto un predicatore. Attraverso i testi di queste canzoni riesco a comunicare le parole di Gesù e quello che Lui ci dice dell’Amore»

Parole semplici ma efficaci, che arrivano dirette al cuore dei fedeli,  quelle pronunciate ieri nella Basilica Maria SS. dell’Elemosina di Biancavilla, dal Vescovo di Noto Antonio Staglianò che ha presieduto la celebrazione eucaristica  dedicata ai sacerdoti e alla vita consacrata all’interno del programma della Grande festa estiva 2016. Ad animare la Santa Messa, i cantori ed il fratelli biancavillesi del Cammino Neocatecumenale delle parrocchie del Santissimo Salvatore e di Santa Maria dell’Idria.

Staglianò, balzato sulle prime pagine dei giornali per essere solito servirsi nelle sue omelie dei testi di canzoni di diversi artisti della cultura pop – Noemi, Mengoni, Nek, Renato Zero – precisa che «questa fama un po mi dispiace, perchè su youtube vengono estrapolati aspetti delle cose che faccio e poi forse la strumentalizzazione mediatica non rende ragione del mio operare nell’evangelizzazione. Non sono un cantante ma resto un predicatore».

Un predicatore che per trasmettere il messaggio evangelico soprattutto ai più giovani non disdegna di certo il voler parlare loro attraverso frammenti di canzoni a loro note per affrontare tematiche importanti come quelle dell’Amore e del Perdono. Anche durante un passaggio dell’omelia di ieri, Mons. Staglianò si è servito delle parole della canzone “Gesù”, tratta dall’ultimo album di Renato Zero, per porre l’accento su come «nessuno chiede più perdono a Gesù. nella canzone la parola “perdono” viene citata 4  volte e nelle Chiese Cattoliche non si chiede più perdono».

«Vedo che in quel minuto, su trenta minuti di predica, quanto cantillo, precisa Staglianò, i ragazzi stanno più attenti ed io attraverso i testi di queste canzoni riesco a comunicare le parole di Gesù e quello che Lui ci dice dell’Amore. Molto spesso metto in contrasto critico, in opposizione dialettica, tra quello che dicono le canzoni di Sanremo e quello che è il messaggio di Gesù quello che Gesù dice sull’amore e quello che nelle canzonette di Sanremo viene cantato dell’amore, perchè mentre i nostri ragazzi magari il Vangelo nemmeno lo ascoltano e non lo conoscono, le canzonette le conoscono e il problema diventa serio per noi Chiesa».

A conclusione della Messa, Monsignore Staglianò si è intrattenuto presso il pub “BB King” di piazza Annunziata per l’evento “Aperitivo con il Vescovo, conversazione sulla vita e la fede” organizzato dalla Pastorale Giovanile biancavillese, per parlare al cuore dei giovani, per riflettere sul senso della vita e sul desiderio di essere uomini e donne autentici, a partire dal messaggio di Papa Francesco alla GMG di Cracovia.

 

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #antonio staglianò #Biancavilla #grande festa estiva #in evidenza #vescovo noto