Al penalista, accusato di aver favorito il clan “Laudani”, 6 anni e 4 mesi di carcere

L’Avv. Salvatore Mineo con la fascia tricolore in una manifestazione a Catania

Gli avvocati penalisti Salvatore Mineo (originario di Santa Maria di Licodia, comune di cui è stato anche vicesindaco nel 2012) e Giuseppe Arcidiacono, sono stati condannati in appello nell’ambito del processo “Vicerè” scaturito dal blitz antimafia del febbraio 2016 che ha disarticolato la cosca mafiosa catanese dei Laudani, detti “mussi di ficurinia”, in cui furono coinvolti anche affiliati di Paternò ed Adrano. Lo riporta il quotidiano online Live Sicilia in un articolo di Laura Distefano (leggi la notizia da Live Sicilia Catania). La Corte d’Appello di Catania, accogliendo le richieste della Pg Iole Boscarino, ha condannato Mineo a 6 anni e 8 mesi di reclusione e Arcidiacono 7 anni e 4 mesi.
Rileggi:
“I Vicerè”, 109 arresti contro cosca Laudani. Manette per l’ex vicesindaco di Santa Maria di Licodia, Salvatore Mineo
Processo “Vicerè” primo grado

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #antimafia #blitz #i vicerè #mafia #processo i vicerè #Salvatore Mineo #Ultime notizie