Lettera ai primi cittadini del legale biancavillese

L’avvocato Andrea Ingiulla, già consigliere e amministratore biancavillese, ha scritto una lettera aperta ai sindaci di Adrano e Biancavilla a proposito dei contagi di personale sanitario all’ospedale “Maria Santissima Addolorata di Biancavilla”. La pubblichiamo di seguito.

Ill.mi Sigg.Sindaci,

vi scrivo nella qualità di cittadino di questo territorio, fortemente preoccupato dai recenti contagi scoperti tra il personale infermieristico operante all’interno dell’ospedale di Biancavilla.
Premetto che esprimo la mia personale solidarietà nei confronti dei due infermieri, la cui unica colpa è quella di avere contratto la malattia mentre espletavano il proprio lavoro, ma non si può negare il fatto che il contagio registrato all’interno della struttura ospedaliera costituisca un fatto grave, che suscita allarme e forte preoccupazione per l’intera comunità biancavillese ed adranita. Non oso pensare a quante persone possano essere entrate in contatto con i due ignari infermieri, i quali, a quanto risulta dagli organi di stampa, prestavano servizio presso il servizio di pronto soccorso e quindi a potenziale contatto con una platea enorme di utenti.

Ciò premesso, non possiamo in alcun modo correre il rischio che il nostro territorio diventi un focolaio di contagio, con le inevitabili gravissime ripercussioni che ne deriverebbero, per cui vi chiedo di fare tutto quanto in vostro potere per evitare tale nefasta evenienza.
Vi chiedo, innanzitutto, di pretendere chiarimenti da parte dell’ASP di Catania sulle misure di prevenzione e sui protocolli di sicurezza adottati all’interno della struttura ospedaliera di Biancavilla, la quale peraltro è stata individuata come centro COVID e quindi, si presume, soggetta a rigorosi protocolli di prevenzione. In particolare, i responsabili dell’azienda devono chiarire come tali misure siano state in concreto applicate, non essendo sufficiente l’esistenza di regole se poi queste, per eventuale superficialità o lassismo, non vengono rispettate.

Vi chiedo, inoltre, di pretendere documentati chiarimenti sulle ragioni per cui si devono attendere oltre sette giorni, per avere i risultati dei tamponi effettuati sul personale sanitario operativo in servizio, quando in altre parti d’Italia (es.Padova) si riescono a processare circa 10.000 tamponi al giorno, con risultati pressochè immediati.
Vi chiedo, infine, di pretendere che le autorità sanitarie eseguano immediatamente tamponi su larga scala, oltre che ovviamente su tutto il personale operante all’interno dell’ospedale, anche su tutte le persone che nelle ultime settimane siano entrate in contatto con il pronto soccorso dell’ospedale di Biancavilla e con i due infermieri risultati positivi al coronavirus.

Mi permetto di ricordarvi che le SS.LL. sono le massime autorità sanitarie locali per questo territorio e quindi vi invito ad esercitare pienamente i vostri poteri, a tutela della salute delle persone che vi abitano. Certo di un vostro immediato e positivo riscontro, colgo l’occasione per porgervi cordiali saluti.

Avv. Andrea Ingiulla

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #andrea ingiulla #biancavilla coronavirus #covid 19 #Ultime notizie