Paternò, il consiglio approva regolamento su collaborazione fra cittadini e amministrazione nella cura dei beni comuni

La collaborazione diventa “istituzionale”, dotata di regole chiare e condivise

Il Consiglio Comunale di Paternò ha approvato, nei giorni scorsi, un regolamento municipale che disciplina le forme di collaborazione dei cittadini con l’Amministrazione per quanto riguarda la cura dei beni comuni. Si tratta di una forma di collaborazione già sperimentata in altri centri d’Italia, fra i quali la città di Bologna, e che adesso approda anche a Paternò, su proposta del consigliere comunale Sergio Signorello. L’idea ha trovato il favore dell’Assise Civica, che ha approvato la normativa.
Nello specifico, le disposizioni inserite nel regolamento si applicano nei casi in cui l’intervento dei cittadini per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani richieda la collaborazione dell’Amministrazione Comunale.

 

Il patto di collaborazione, ovvero lo strumento mediante il quale si  definiscono gli interventi da effettuare sui beni comuni urbani,  si instaura fra il Comune di Paternò e i cittadini, singoli o associati, che propongono di contribuire alla cura e alla rigenerazione dei beni comuni urbani, sia materiali che immateriali (ad esempio, edifici e spazi pubblici), che ritengono importanti per la collettività.
Il Comune dispone esenzioni ed agevolazioni, in materia di entrate e tributi, a favore delle formazioni sociali che svolgono attività nell’ambito del patto di collaborazione.
La proposta di collaborazione viene formulata dai cittadini. Tale istanza può essere spontantea e quindi provenire totalmente dal basso, oppure può essere formulata in risposta ad una sollecitazione da parte del Comune. Un ruolo importante svolgerà la “rete civica”, uno spazio virtuale che rappresenta sia un mezzo per  la pubblicazione di informazioni sui patti di collaborazione attivati e sugli interventi già realizzati, ma anche un forum per fare interagire i cittadini e permettere loro di avanzare nuove proposte di intervento.

«Il regolamento permette di stimolare la partecipazione dei cittadini offrendo regole chiare e procedure aperte ed efficaci – evidenzia il sindaco di Paternò, Mauro Mangano – e completa così un lavoro che questa Amministrazione svolge fin dal suo insediamento, con l’obiettivo di coinvolgere attivamente i cittadini nella cura e valorizzazione dei beni comuni. La collaborazione non è più estemporanea ed affidata ogni volta ad una formula organizzativa diversa, ma diventa “istituzionale”, dotata di regole chiare e condivise.»

Commenti da Facebook

Yvii24, l’informazione delle terre dell’Etna. Per contattarci: redazione@yvii24.it - tel.: 392 342 03 81