Quattro anni fa Mangano ha centrato l’elezione a Sindaco di Paternò. Fra un anno chiederà la riconferma alla guida della città e lo farà dovendosi confrontare su quel che erano le emergenze

Nel 2012 è riuscito nell’impresa di strappare la guida della città al centrodestra che lo dominava da dieci anni, da quando Ignazio La Russa impose il nome di Pippo Failla. Adesso, Mauro Mangano – PD, insegnante, già assessore e consigliere comunale – nel 2017 dovrà tentare di centrare la riconferma a primo cittadino di Paternò, con un bilancio amministrativo che, giocoforza, dovrà portare in attivo quelle che sono state le emergenze degli anni passati e che continuano ad essere i temi dell’attualità: rifiuti, degrado, scuole.

A Yvii24, che lo ha incontrato a poco più di un anno dal voto per fare il punto amministrativo, dichiara: “Rispetto al 2012 abbiamo fatto passi in avanti nelle carenze strutturali a cominiciare dai rifiuti. Ma quel che dovrà cambiare è la mentalità dei miei concittadini.”

Hashtags #Mauro Mangano #Paternò