Autore un pregiudicato rumeno. La bomba, di origine bellica, recuperata dagli artificieri

Un pregiudicato 56enne di origine rumena, è stato arrestato sabato scorso dopo aver collocato una bomba da mortaio di nazionalità inglese, presumibilmente di origine bellica, (calibro 81 mm/3 pollici), attiva e completa di spoletta, sulla colonnina dell’erogatore di carburanti della “Giap”, sulla statale 192, preannunciandone l’esplosione a breve, al gestore e ad alcune persone che erano nel distributore. Immediato l’allarme lanciato al 112 da uno dei presenti che, tenendo costantemente sotto controllo l’uomo, ha consentito l’intervento pressoché immediato di diverse pattuglie della Compagnia Carabinieri di Paternò che sono riuscite a bloccare e ed ammanettare il 56enne.

Sul posto sono intervenuti anche gli Artificieri antisabotaggio del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Catania i quali, dopo aver posto in sicurezza l’intera area, hanno neutralizzato e poi rimosso l’ordigno per il successivo brillamento in zona sicura. Sono tuttora in corso accertamenti tesi a verificare la personalità del soggetto e le motivazioni del gesto, allo stato comunque non riconducibili ad alcuna matrice terroristica o mafiosa, ma verosimilmente alla sua sfera privata. Il 56enne è stato rinchiuso nel carcere catanese di Piazza Lanza.

Hashtags #carabinieri #ordigno #Paternò #Sferro #Ultime notizie