Per il segretario democratico esiste una vera e propria “casta” del farmaco che sono le farmacie

Intervento del segretario del Partito Democratico di Paternò, Salvatore Leonardi, sulla situazione farmacie in città. A fronte di 14 esercizi il sabato e la domenica ne resta aperta soltanto una. Pubblichiamo integralmente la nota.

La “casta” del farmaco ovvero le farmacie

Le notizie di cronaca degli ultimi giorni riportano di presunte truffe operate da medici e farmacie, anche del nostro comprensorio, a danno del servizio sanitario nazionale (regionale in questo caso ). Per fortuna Paternò non è stato nemmeno sfiorato da questo malaffare e la cosa ci fa molto piacere. Però questi fatti ci portano a fare delle riflessioni su un servizio fondamentale per i cittadini qual è quello farmaceutico che tocca da vicino tutti, ripetiamo tutti i cittadini.

Ma andiamo subito a vedere la situazione di Paternò. Nel Nostro Comune insistono 14 farmacie, tutte private ma che svolgono un servizio pubblico che deve essere preordinato alla tutela della salute del cittadino e tale compito deve essere assicurato, per esempio, con la possibilità di avere sempre a disposizione l’accesso al “farmaco” necessario. Ebbene ciò non è sempre possibile, o lo è in maniera limitata: infatti in alcune giornate della settimana e la notte diventa problematico trovare la cosiddetta “farmacia aperta “ e ciò perché a Paternò, nei giorni di sabato, domenica e la notte, c’è una sola, si una sola, farmacia aperta !!! Potremmo capire la notte, ma il sabato e la domenica no!

Ed ecco allora perché diciamo che si tratta di una “casta “ che ha saputo nel tempo mantenere tutti i privilegi possibili ed immaginabili a danno del cittadino. Si deve sapere che l’apertura di una farmacia è soggetta alla regolamentazione di una “pianta organica” che prevede una farmacia per un numero prefissato di abitanti. Ciò fa capire subito che la “casta” è riuscita a mantenere un costante e continuo accesso al profitto senza la paura di una concorrenza che , di fatto, non esiste!

E dire che con gli anni le farmacie si sono trasformate in veri e propri “esercizi commerciali” dove la distribuzione dei farmaci diventa sempre più residuale a vantaggio della vendita di prodotti che dovrebbero essere di libera concorrenza ma che distribuiti dalle farmacie diventano miracolosamente pregiatissimi. Vedete farmaci più nelle farmacie ? No! Sono quasi nascosti nel retrobottega mentre in tutti gli spazi espositivi fanno bella mostra una miriade di prodotti reperibili anche in tutti i supermercati e nelle parafarmacie.

Ci sarebbe tanto da dire e da criticare sulla legislazione nazionale del settore, ma Noi, nel nostro piccolo, ci occupiamo di quello che si potrebbe fare a Paternò per rendere più agevole al cittadino la reperibilità dei farmaci specialmente in certi giorni della settimana. Esiste una legislazione che favorisce la libera concorrenza anche tra le farmacie, ma come dicevamo , è ben lungi dall’essere applicata perché il numero di farmacie è limitato e soggetto alla pianta organica per cui non c’è interesse da parte di nessuno a rompere gli equilibri della distribuzione dei profitti.

Auspichiamo che l’Amministrazione Comunale si faccia parte diligente nei confronti dell’Ordine dei Farmacisti di Catania, intessendo dapprima un dialogo con i titolari delle farmacie della Città, affinché possa essere esteso il numero di farmacie aperte il sabato e la domenica per rendere meno gravoso al cittadino  l’approvvigionamento dei farmaci di cui ha bisogno. Crediamo anche che questi siano gli argomenti di cui si debbano occupare i Consiglieri Comunali,sia in Consiglio che all’interno delle Commissioni che vengono riunite in maniera frequentissima. Perché non lo si fa? Per negligenza? Per svogliatezza? Per non percezione del problema? Oppure per un connivenza nella tutela della “casta” del Farmaco ovvero delle Farmacie !!! Noi non crediamo minimamente in una cosa del genere, pensiamo solo che sia solo assuefazione ad una situazione che viviamo tutti come immodificabile, da subire ed accettare. Ed invece la legislazione c’è e può essere applicata anche a Paternò.

Cosa proponiamo in sintesi allora:

1- Allargare la platea delle farmacie aperte il sabato e la domenica passando dall’attuale una ad almeno due tre affinché il tessuto urbano possa essere meglio coperto;

2- Invitare l’Amministrazione Comunale ed il Consiglio Comunale tutto ad interessarsi della problematica magari verificando se tutta la pianta organica di Paternò è coperta, se aggiornata e se oltre alle 14 farmacie oggi esistenti se ne possano aggiungere altre;

3- Nel caso in cui fosse possibile allargare l’attuale pianta organica prevedere che, ulteriori farmacie da aprire, non siano affidate a soggetti privati ma che siano pubbliche (gestite dal Comune) così come permette la legge in vigore. Una farmacia pubblica, oltre che diventare un sicuro introito di proventi per il Comune, garantirebbe la funzione sociale della Farmacia favorendo anche le fasce più deboli della popolazione

Ultima considerazione : ci siamo mai chiesti perché nessuna farmacia applica sconti sui farmaci ? Come mai in tutte le farmacie sono in vigore gli stessi prezzi ? Ci pare ovvio , la “casta” è a numero chiuso e non sogna nemmeno di entrare in concorrenza , tanto la distribuzione dei profitti è equa !

Salvatore Leonardi
Segretario Circolo PD di Paternò

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #farmacie #Paternò #salvatore leonardi #Ultime notizie