Lettera al Prefetto: «Troppi cittadini in giro»

«L’Esercito in supporto alla Polizia Municipale e alla compagnia dei Carabinieri, con lo scopo di evitare la diffusione del contagio da Covid19 contenendo spostamenti e/o assembramenti soprattutto durante le festività a seguire del 25 Aprile e dell’1 Maggio». Lo scrive il Movimento 5 Stelle in una lettera al Prefetto di Catania, in relazione all’emergenza Coronavirus.

«A Paternò si segnala la presenza di troppi cittadini in giro – dichiara Salvo La Delfa esponente del M5S locale – senza dispositivi di protezione e assembramenti diffusi. Evidentemente ad alcuni non è ben chiara la pericolosità di questo nemico invisibile, e se da una parte migliaia di cittadini rispetta scrupolosamente le regole, dall’altra si assiste quotidianamente a segnalazioni riferite a persone in giro senza un’apparente motivazione valida e il verificarsi di file lunghissime davanti alle poste e alle banche.

A peggiorare ulteriormente la cosa è la presenza massiccia di ambulanti abusivi i quali, occupando delle zone vicine tra loro, costituiscono dei veri e propri “mercatini 2.0”. C’è molta indignazione in città e il rischio concreto è che la situazione possa sfuggire di mano se dovesse prendere piede un sentimento di impunità vanificando anche il lavoro svolto da parte delle forze dell’ordine locali. Pertanto – chiude La Delfa –andrebbe scongiurata qualunque forma di “rilassamento” rispetto alle restrizioni imposte dal Governo centrale e regionale, e poiché siamo già al dodicesimo caso (per ultimo un operatore della Lombardia Center) in appena quindici giorni, ritengo che l’ausilio del corpo delle Forze Armate possa essere un buon deterrente».

«Già nelle settimane scorse – aggiungono i consiglieri paternesi Martina Ardizzone, Claudia Flammia e Marco Gresta – il parlamentare del M5S Gianluca Rizzo, Presidente della commissione Difesa, ha invitato il Prefetto di Catania a valutare l’opportunità di utilizzare le Forze Armate già impiegate per l’Operazione Strade Sicure al fine di potenziare il controllo del territorio con una presenza più dinamica a sostegno della pubblica sicurezza e per il rispetto delle indicazioni fornite dal Governo secondo quanto già indicato dal ministero dell’Interno con la circolare n.15350 del 12 Marzo c.a.

Con questo nuovo sollecito auspichiamo che le istituzioni preposte, a partire dal Sindaco in primis, si interfaccino tra di loro mettendo in campo dei provvedimenti rigidi per evitare il peggio. Purtroppo taluni cittadini hanno bisogno delle maniere forti e se siamo arrivati a questa decisione è innanzitutto per tutelare la maggior parte dei paternesi e poi perché il nostro sistema sanitario locale non può permettersi ulteriori ricoverati. Non vogliamo fare allarmismo – chiude il gruppo consiliare pentastellato – ci stiamo facendo semplicemente portavoce di molte segnalazioni pervenuteci dai cittadini che chiedono più controlli sul territorio».

Pieno sostegno alla cittadinanza arriva anche dal deputato nazionale Gianluca Rizzo: «Ringrazio i consiglieri e Salvo La Delfa per la segnalazione, purtroppo la situazione è analoga in molti comuni del meridione. Dal mio canto mi interfaccio con il Prefetto cercando di monitorare in maniera attenta tutto quello che accade nelle nostre città. Il ruolo dei portavoce locali, soprattutto in questa fase, è estremamente importante in quanto vivendo i territori hanno il quadro della situazione più chiaro. Paternò è una delle Città più popolose della provincia di Catania e va scongiurato qualsiasi pericolo di aumento dei contagi».

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #coronavirus #covid 19 #m5s #movimento 5 stelle #Paternò #Ultime notizie