Nota congiunta M5s, Paternò 2,.0 Rialzati Paternò che lamentano le mancate convocazioni dell’assise

Il Consiglio comunale di Paternò non si riunisce da due mesi e le opposizioni vanno all’attacco. In una nota congiunta, i consiglieri del Movimento 5 Stelle, Paternò 2.0, Rialzati Paternò sottolineando il mancato confronto, chiedono che il presidente del Consiglio comunale, Filippo Sambataro, restituisca le indennità percepite. Trasmettiamo la nota integralmente.

Il presidente del Consiglio comunale restituisca le indennità

Il Consiglio comunale assente da due mesi è una rappresentazione imbarazzante che umilia la stessa istituzione dell’assise civica. Per di più, ad oggi, il ruolo del presidente del consesso resta tutt’altro che super partes: buonsenso vorrebbe che – vista la mancata convocazione del consiglio e la partecipazione praticamente inesistente alle riunioni di commissione da parte del primo consigliere di Palazzo Alessi (non lo diciamo noi ma basta verificare i verbali delle riunioni) – il presidente rinunciasse alla sua indennità degli ultimi due mesi. Dia un segnale restituendo alla città quello che in questi ultimi sessanta giorni non ha affatto meritato.

Il luogo del dibattito politico e del confronto democratico è, da sempre, il consesso civico. Un’opportunità che viene negata ai rappresentanti della città senza alcun valido motivo: e ridurre tutto alle convocazioni di commissioni è ancora più miserevole. La città di Paternò chiede ai suoi rappresentanti serietà e volontà nell’affrontare le questioni urgenti, a tutt’oggi, rimaste in sospeso che attanagliano la nostra comunità. Non vogliono certo sentirsi dire che “non ci sono delibere sulle quali votare”.

Hashtags #Consiglio Comunale #filippo sambataro #forza italia #in evidenza #indennità #movimento 5 stelle #opposizione #Paternò #paternò 2.0 #presidente #restituzione #rialzati paternò