Intervista al primo cittadino licodiese che parla di cani randagi e domestici, area di sgambamento e pensa a una tassa per i proprietari

I cani, che siano randagi o che siano domestici, al centro della cronaca e della politica a Santa Maria di Licodia. Di martedì la doppia notizia su una ragazzina morsa da un cane randagio e di una petizione on line che chiede la realizzazione di un’area di sgambamento per cani, dopo l’ordinanza del sindaco Totò Mastroianni che vieta l’accesso al migliore amico dell’uomo nelle aree e nei giardini pubblici. Abbiamo intervistato il primo cittadino sulle due questioni, che ha risposto così (nel video l’intervista integrale): «Sui randagi stiamo facendo un controllo sulla struttura dove vengono ospitati i cani, poi vengono reimmessi nel territorio. Sull’area di sgambamento penso che l’anno prossimo ci sarà un progetto per realizzarla».

Hashtags #cani #domestici #in evidenza #randagi #Salvatore Mastroianni #Santa Maria di Licodia #sindaco #totò mastroianni