Applicate etichette informative per la chiamata del personale di stazione da parte dei disabili. Ancora guaste le erogatrici ticket

A distanza di circa 2 mesi dal nostro articolo che ha voluto evidenziare alcuni disservizi riscontrati nelle stazioni di Santa Maria di Licodia da parte di alcuni utenti della Ferrovia Circumetnea (rileggi articolo), abbiamo voluto verificare se qualcosa, da allora, è cambiato. Nel pomeriggio di ieri, abbiamo potuto costatare che qualche passo avanti è stato fatto dall’azienda di trasporti a gestione governativa, ma ancora alcuni disservizi permangono. Se da un lato l’Fce si è attivata per apporre delle targhette nei pressi degli ascensori che riportano il numero di telefono da contattare per poter usufruire del servizio di elevazione o discesa automatica, dall’altro persistono ancora i guasti relativi alle macchine erogatrici dei biglietti. Le stesse, infatti, sembrerebbero essere rimaste nelle stesse condizioni di guasto accertate nel mese di febbraio. Presso la stazione Santa Maria di Licodia Sud presentano delle schermate bianche con un codice di errore, invece presso la stazione “Centro” l’unica macchinetta collocata all’ingresso della stazione sotterranea presenta una schermata nera che, al click dei tasti, emette un segnale acustico simile ad un bip. Sempre all’interno di questa stazione, alcuni vandali hanno oscurato con una bomboletta spray le frecce che indicano la direzione dei treni, rendendo difficile l’orientamento.

Nell’articolo di febbraio, veniva riportata la vicenda di un utente che a seguito del guasto delle macchinette erogatrici dei ticket di viaggio era stato costretto ad acquistare il titolo di viaggio con prezzo maggiorato direttamente sul treno. Sempre in quell’occasione erano emerse delle criticità relative alla possibilità di impiego degli ascensori da parte di chi presenta una mobilità ridotta. Situazioni verificate anche dal nostro quotidiano che ha dato spazio alla replica della Ferrovia Circumetnea attraverso la quale l’azienda, avendo “preso atto del disservizio” relativo alla non fruibilità degli ascensori, si è mostrata disponibile a provvedere al posizionamento delle indicazioni per l’eventuale impiego dell’impianto da parte di persone con difficoltà motorie. Riguardo la macchinetta erogatrici dei titoli di viaggio, in quella stessa nota, l’azienda evidenziava la problematica come “momentanea” e si scusava per il disservizio. Situazione momentanea che, alla luce dei fatti, risulta essere diventata cronica.

Hashtags #ascensori #biglietti #disabili #fce #ferrovia circumetnea #in evidenza #Santa Maria di Licodia #ticket #treno