Lo storico istituto di credito di via Vittorio Emanuele 212, chiuderà i battenti venerdì prossimo. Intanto i licodiesi si mobilitano con una raccolta firme

La notizia si era diffusa un po’ in sordina negli scorsi giorni, quando su Facebook si parlava della chiusura di una “vecchia banca” a Santa Maria di Licodia. A fare le spese di una spending review aziendale è proprio il Banco di Sicilia del gruppo UniCredit di Santa Maria di Licodia che storicamente ha avuto la propria sede in via Vittorio Emanuele 212, nei pressi della centralissima piazza Umberto I e che batterà la sua ultima operazione di cassa il prossimo venerdì.

A mobilitarsi contro la chiusura dello storico istituto di credito, è stata anche l’amministrazione Mastroianni, attraverso la propria pagina Facebook “Totò Mastroianni Sindaco“. È la stessa amministrazione comunale a lanciare una petizione ed a invitare tutti i cittadini ad aderire a tale iniziativa. Si legge nel post “L’amministrazione accogliendo l’appello di molti cittadini licodiesi ha lanciato una raccolta firme per evitare la chiusura della filiale UniCredit nel nostro comune. Sappiamo perfettamente che si tratta di una scelta aziendale legittima, tuttavia vogliamo far sentire la nostra voce. Trovate i moduli per le firme presso l’ufficio protocollo del comune e nei bar. Auspico una grande e compatta mobilitazione.”

Nella nota, si legge inoltre che il prossimo martedì si terra’ un incontro con i vertici locali della banca, durante il quale saranno consegnate le firme raccolte.

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #chiusura banca #in evidenza #raccolta firme #Santa Maria di Licodia #totò mastroianni #unicredit