Antonino La Delfa: «Vogliamo combattere questo fenomeno delle discariche abusive sensibilizzando tutti i cittadini, anche se impianteremo sistemi di videosorveglianza»

Tolleranza zero alle microdiscariche sul territorio di Santa Maria di Licodia, è stato annunciato oggi dal neo assessore all’Igiene del Comune di Santa Maria di Licodia, Antonino La Delfa, durante un tour tra Yvii24 e lo stesso amministratore presso i più noti “siti della vergogna”. Sono stati infatti bonificati nelle ultime ore, su indicazione dell’Assessore insediatosi da una settimana alla ditta che svolge il servizio di raccolta rifiuti, diversi siti di discarica abusivi che ormai da tempo deturpano il territorio.
Tra questi, quello nei pressi della strada Trainara, quello annoso a valle della Fontana del Cherubino nei pressi dell’ex centro di raccolta, nonchè l’interno della villa comunale Belvedere che era diventato anch’esso una discarica a cielo aperto. Già agli inizi della prossima settimana, verrà invece attenzionata e bonificata – a detta dello stesso assessore La Delfa –  la zona strada di Fora che presenta, oltre ai soliti sacchi neri di immondizia, anche diverso materiale di risulta edile.

«Come ammistrazione abbiamo visto che sul territorio licodiese sono presenti diverse discariche abusive – dichiara l’assessore –. Abbiamo già segnalato anche alle forze dell’ordine per una collaborazione nel miglioramento del nostro comprensorio. Il problema è comune al comprensorio limitrofo, ma noi stiamo cercando di fare del nostro meglio. Invito i cittadini a continuare nella differenziata perchè è l’unico modo per avere dei vantaggi sia economici che di pulizia del territorio. Vogliamo combattere questo fenomeno delle discariche abusive sensibilizzando tutti i cittadini, dai grandi ai più piccoli, anche se ci premureremo di impiantare dei sistemi di videosorveglianza per combattere gli sporcaccioni che deturpano il nostro territorio».
La Delfa ha anche voluto rassicurare i cittadini sulla cosidetta “emergenza umido” che ha colpito un po’ tutto il territorio siciliano nelle ultime settimane e che ha generato l’Alt nel conferimento della parte umida nei centri di compostaggio: «Come Comune di Santa Maria di Licodia siamo riusciti ad avere una convenzione con una ditta di Motta Sant’Anastasia, per poter conferire 10 tonnellate di umido».

Durante questo “tour”, si è voluto approfondire con l’assessore al ramo, la questione dei volantini e pieghevoli TIM abbandonati sul ciglio della strada, sollevata dalla stessa testata giornalistica Yvii24. «Abbiamo cercato di fare delle indagini – spiega l’assessore La Delfa – sul vile atto perpetrato giorni addietro al nostro territorio, segnalato anche dalla vostra testata giornalistica, cercando di ripulire il prima possibile quel tratto di strada. Abbiamo anche interpellato qualche cittadino che risiede in zona per verificare la presenza di possibili videosorveglianze private. Il Comandante della Polizia Municipale, dopo un sopralluogo, ha notato che non erano presenti telecamere in prossimità del luogo interessato all’abbandono dei volantini, per poter colpire questo ignoto sciacallo».

Hashtags #antonino la delfa #discariche abusive #in evidenza #Santa Maria di Licodia