Per il gruppo consiliare di minoranza la gestione sui doppi turni è stata fallimentare e viziata da illegittimità amministrative

Ancora una reazione alla recente sentenza del Tar di Catania, che ha accolto il ricorso di dipendenti e genitori dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno” di Biancavilla, annullando l’ordinanza del sindaco Antonio Bonanno con cui si è imposta l’alternanza nella turnazione mattina-pomeriggio fra le scuole “Bruno” e “Sturzo”. Condanna all’operato dell’amministrazione comunale da parte del gruppo consiliare “SiAmo Biancavilla”. Di seguito la nota del capogruppo Vincenzo Chisari.

La recente sentenza del TAR di Catania che accoglie il ricorso di genitori e personale dell’IC BRUNO è una sonora e certificata bocciatura per il sindaco Bonanno. È l’epilogo di una gestione sui doppi turni non soltanto fallimentare ma pure viziata da illegittimita amministrative rilevate dai giudici. Adesso Bonanno a quale nemico addosserà la responsabilità? Finora ha cercato solo scuse e fantasmi anziché confrontarsi in consiglio su proposte,idee e suggerimenti presentate dai consiglieri siano essi di minoranza o maggioranza immediatamente dopo il sisma di ottobre u.s.

“Watch and wait…” questo è stato l’atteggiamento che ha tenuto il sindaco salvo poi formulare l’ordinanza sui doppi turni successivamente annullata dal TAR. La montagna ha partorito il topolino!!!! Dovrebbe chiedere scusa alla città per la spaccatura sociale che ha creato e per un atteggiamento dell’amministrazione incomprensibile al punto da determinare una frammentazione tra famiglie. A breve inizieranno i lavori all’istituto Sturzo grazie ai finanziamenti che il governo nazionale ha riconosciuto sulla base di valutazioni dei tecnici e della protezione civile, il sindaco spaccia la normale e dovuta amministrazione per cose straordinarie gettando fumo negli occhi ai cittadini.

Vincenzo Chisari
Capogruppo SiAmo Biancavilla

Hashtags #antonio bruno #Luigi Sturzo #scuola #sentenza tar #siamo biancavilla #terremoto #Ultime notizie #vincenzo chisari