Oggi e domani un tour all’insegna della conoscenza delle realtà imprenditoriali dislocate nelle provincie di Catania e Ragusa

Una due giorni, quella che si terrà oggi e domani, all’insegna della conoscenza del tessuto produttivo siciliano che eccelle nel panorama internazionale. Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti ed il Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone visiteranno alcune delle imprese siciliane site nelle province di Catania e Ragusa “che ce l’hanno fatta”, eccellenze famose nel mondo per la produzione di prodotti tipici locali. Alle 15:00 di oggi il tour comincerà con la visita all’azienda dolciaria Condorelli di Belpasso, sita in Contrada Timpa Magna, famosa in oltre 25 Paesi del mondo per i torroncini morbidi realizzati con materie prime del territorio.

Alle 18:30 Faraone e Poletti prenderanno parte, poi, insieme al segretario regionale del Partito democratico Fausto Raciti, ad un’iniziativa dedicata alle ragioni del sì al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, che si terrà a Scicli, in provincia di Ragusa, al Cine Teatro Italia. Il programma di venerdì 18 novembre, probabilmente in giro tra le imprese della provincia ragusana, è in fase di aggiornamento.

«Siamo abituati a sentirci dire che la Sicilia è una terra depressa, una terra ‘maligna’ dalla quale è preferibile scappare se si vuole fare fortuna – dichiara il sottosegretario Davide Faraoneeppure c’è un tessuto produttivo attivo, conosciuto e riconosciuto nel mondo, che si nutre della tradizione e delle risorse migliori dell’isola e ne fa fonte di crescita e sviluppo per il territorio, coniugando la storia all’innovazione. Sono queste realtà che devono darci la forza e la spinta a fare sempre di più per la nostra regione, a dirci che un altro racconto della Sicilia è possibile. Il governo, come dimostra la visita con il Ministro Poletti, è al fianco di chi ogni giorno è impegnato in questo lavoro e in chi crede nella nostra terra».

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #faraone #in evidenza #poletti #storie della sicilia che ce la fa