Ancora una seduta consiliare infruttuosa per la mancanza di un accordo. Il capogruppo forzista attacca

Maggioranza nel caos, a Biancavilla, dove il Consiglio Comunale continua a macinare sedute infruttuose per la mancanza di un accordo sulla presidenza e su un posto in giunta. Anche la riunione di ieri è andata buca a causa dell’assenza dei consiglieri di maggioranza. E così nuovo appuntamento, martedì prossimo alle 20, per l’elezione del Presidente del Consiglio Comunale e del suo vice.
La crisi, che ormai da alcune settimane lacera i gruppi che sostengono l’amministrazione comunale, nasce per una poltrona in meno rispetto ai pretendenti: sono in tre ad aspirare a due cariche, la presidenza e l’assessorato. Da sostituire il presidente uscente, Dino Furnari, e l’assesore Grazia Ventura, che dovrebbe rimettere il mandato. In corsa ci sono Vincenzo Cantarella (PD), Vincenzo Chisari (“Biancavilla Città Attiva”) e Vincenzo Mignemi (“Democratici per Biancavilla”, gruppo fondato nei giorni scorsi). Mignemi e Chisari appartenevano entrambi a “Città Attiva” ma, nel momento di scegliere chi dei due avrebbe dovuto ricoprire uno dei due incarichi, si è registrata quella che, al momento, appare come una insanabile frattura che sta di fatto bloccando il consiglio.

Dal canto suo, il Sindaco Giuseppe Glorioso avrebbe chiesto intanto lo sblocco della situazione in consiglio, con l’elezione del presidente. Solo dopo sarebbe disposto ad aprire la discussione sulla composizione della giunta.
Critica l’opposizione. A Yvii24, il capogruppo di Forza Italia, Vincenzo Amato, dichiara:  «Non condivido affatto questo metodo adottato dalla maggioranza, che sta di fatto paralizzando il Consiglio Comunale. Avrebbero dovuto trovare un accordo prima di far dimettere Furnari – prosegue Amato – in modo che il consiglio continuasse a lavorare senza stop. Invece siamo costretti ad assistere impotenti alle loro liti sulle poltrone ».

Print Friendly, PDF & Email
Hashtags #Biancavilla #Consiglio Comunale